CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO

Centri di Servizio per il Volontariato nascono per essere al servizio delle organizzazioni di volontariato (OdV) e, allo stesso tempo, sono da queste gestiti, secondo il principio di autonomia del volontariato che la legge 266/91ha inteso affermare. Gli utenti a cui si rivolgono sono, oltre alle OdV iscritte e non iscritte nei registri regionali, i volontari attivi in Italia (825.955 nelle organizzazioni di volontariato iscritte ai registri regionali, Istat 2003, che vanno però collocati nel più ampio contesto dei 4.758.622 volontari presenti nelle istituzioni non profit, Istat Censimento Non Profit 2011); qualsiasi cittadino che ad essi si rivolga per avere informazioni sul volontariato o per costituire un'Organizzazione di Volontariato.

I CSV sono presenti in tutte le regioni italiane. Sono finanziati per legge dalle Fondazioni di origine bancaria.
In Italia nel 2015 operano 74 CSV (72 di questi sono attualmente soci di CSVnet), articolati in oltre 300 sportelli distribuiti su tutto il territorio, con una media di 4 sportelli per ogni CSV. Di questi, 61 hanno come territorio di competenza quello provinciale; in 8 casi la scelta è ricaduta su un'organizzazione di tipo regionale, mentre 2 sono i CSV interprovinciali e 1 è sub-provinciale.
L'88% della base associativa dei CSV è costituita da 8.720 OdV. Se si considerano poi le associazioni di II livello e le reti di associazioni socie dei CSV il numero complessivo di OdV che partecipano direttamente o indirettamente alla loro governance è pari a 25.138, che rappresentano complessivamente circa il 52% del Volontariato in Italia.
Complessivamente, le Organizzazioni di Volontariato che hanno avuto accesso ai servizi dei CSV nel 2012 sono state 30.347.

Web design: Excogita